• (Italiano) Figlio maggiorenne e cessazione dell’obbligo di mantenimento da parte del genitore separato – indipendenza economica e figli fannulloni

    Posted on July 16, 2012 by in Family law, News legali

58 Responses so far.

  1. C. says:

    Abito in una casa di cui siamo eredi in sette. Premetto che ho accudito mia
    madre e mio padre a causa delle loro malattie per ben cinque anni.Mia
    madre mi obbligo a risiedere con loro per poter avere una continua
    assistenza anche di notte. Purtroppo la mia situazione anagrafica risul
    essere dal 1994, mentre gia negli anni passati assistevo mia madre e mio
    padre.Premesso che sino al 1994 sono stata aiutata dalle mie sorelle, si
    sono sempre riufiutate mio fatello e mia sorrella. Questi adesso mi hanno
    citato presso l’ufficio di conciliazione per lasciare la casa dei miei
    genitori e . Vorrei avere delle spiegazione e se tutto è possibile.
    Grazie

  2. francesca says:

    siamo divorziati da 20 anni, io insegnante lui chirurgo.Una figlia,32 anni ha percepito un assegno di mantenimento , io niente.Laureata con laurea breve in psicologia, il padre dichiara che non ha intenzione di mantenerla oltre.Non le passa l’assegno.leri lavora 900 euro al mese va a vivere per conto suo paga affitto,benzina cibo etc.Si riiscrive all’università di cui noi genitori paghiamo solo le tasse, studia e lavora e si fa la specialistica.Continua a lavorare ma vuole fare il master costo 9000 euro.Il padre la sollecita ad accedere ad un prestito io sono contraria e ritengo che noi la dobbiamo aiutare poichè il salario di nosstra figlia non le consente poi di impegnarsi in un prestito a meno di vivere al limite della povertà. lui si rifiuta…che fare?posso da divorziata ricorrere io dal giudice?

    • staff says:

      una volta cessato il regime di convivenza e acquisito un proprio reddito viene meno il diritto dei figli al mantenimento e residua solo quello ai cd alimenti, cioè quanto necessario ai generi di prima necessità in caso di totale perdita di reddito

  3. Mario says:

    Ho vissuto per 4 anni con i miei figli, mantenendoli e accudendoli in tutto. Non studiano e non lavorano. Alla fine ho deciso, concorde con la loro madre, di lasciare la casa. Ora la madre pretenderebbe che passassi il mantenimento… E fino a quando dovrei farlo se questi sono i presupposti?

  4. monica says:

    Ho 47 anni un lavoro precario con un ISEE di 6mila euro non sono spostata ho un figlio 20 enne studente da l anno scorso mi sono iscritta alla università per migliorare in futuro la mia posizione lavorativa ed economica.ho i genitori benestanti che hanno sempre aiutato mio fratello e mia sorella. Vorrei vantare un diritto di aiuto economico, secondo quali principi legati ?

    • staff says:

      l’aiuto ricevuto come donazioni o simili potrà essere oggetto di “collazione” al momento della apertura della successione dei suoi genitori, per bilanciare nei diritti tra eredi rispetto a coloro che hanno ricevuto delle liberalità dai genitori in vita

  5. antonio says:

    ho un figlio di 23 anni che non lavora passavo il mantenimento alla mia ex per il figlio, di 200 euro ora ho saputo che e andato a convivere con la sua ragazza in un altra città tenendo sempre la residenza dalla madre devo ancora versargli il mantenimento?

    • staff says:

      in genere se cessa il regime di convivenza dei figli con i genitori viene meno anche l’obbligo di mantenimento, ma dipende dalle circostanze, ad esempio se il ragazzo è in un’altra città per frequentare l’università permane il suo diritto a ricevere un contributo dal padre

  6. Paolo says:

    Buongiorno sono un ragazzo di 23 anni e ho lavorato per circa 6 anni nel negozio di mio padre senza essere messo in regola e vivevo con lui (i miei genitori sono separati e mia madre non è in grado di potermi mantenere). Ora abbiamo litigato e mi ha cacciato sia dal lavoro che dalla casa e dice che devo stare da mia madre e che lei deve provvedere a me( non ne ha assolutamente le possibilità ne fisiche ne economiche) e vuole passami solo 200 euro al mese.
    il fatto è che io non posso vivere da mia madre in eterno e nel frattempo sto cercando un lavoro per mantenermi.
    Quindi la mia domanda è questa: nel frattempo posso richiedere un assegno di mantenimento che includa le spese di un piccolo appartamento(che mio padre può permettersi perchè prima mi dava 700 euro al mese di “stipendio”) fin quando non raggiungo la autonomia economica?
    Aggiungo che non compaio nello stato di famiglia di nessuno quindi praticamente sarei da solo, senza lavoro e senza casa.
    Spero in una sua risposta al più presto.
    Grazie mille..

  7. daniele says:

    Sono un padre separato ho 2 figli studenti di cui una maggiorenne che dal prox anno ha deciso di intraprendere gli studi universitari. Premetto che col mio stipendio da operaio, circa 1000 euro al mese e con mantenimento di 300 euro ai figli nonché assegnazione casa alla ex consorte mi ritrovo con uno stipendio veramente esiguo. Ma sono obbligato a dover mantenere all’università mia figlia? Ma non ho anch’io diritto ad una vita ai limiti della dignità? Grazie per un commento.

  8. elena says:

    Ho 24 anni ed abito ancora con mio padre e la sua convivente. Lavoro da 4 mesi, svolgendo un apprendistato professionalizzante che mi permette di percepire un piccolo stipendio di €.700,00 circa (a volte anche meno). A Giugno del 2011, mia madre mi ha convinta a firmare un foglio (redatto da un avvocato) in cui asseriva di voler passare €.150,00. quale assegno di mantenimento, direttamente a me. Premetto che in quel periodo lavoravo saltuariamente, anche presso l’attività di mia madre. Il mantenimento avrebbe dovuto essermi passato da ottobre 2011. Per 2 mesi tutto regolare, da gennaio 2012 mia madre ha smesso di effettuare i versamenti. E’ legalmente possibile pretendere l’arretrato verso mia madre? Quindi per tutto l’anno 2012? Ad oggi avrei ancora diritto al mantenimento?
    Purtroppo non posso andare ad abitare da sola in quanto le spese sarebbero troppo alte rispetto a ciò che percepisco. Mio padre quindi ha ancora anche lui l’obbligo al mio mantenimento? La sua compagna potrebbe opporsi o cacciarmi di casa? Aggiungo che con il mio piccolo stipendio cerco di gravare il meno possibile sulle loro spalle cercando di soddisfare da sola quelle piccole spese quotidiane.

  9. antonella says:

    Sono un’insegnante in pensione separata da 20 anni.Mia figlia, 42anni laureata in lingue da 5 anni, non ha mai trovato lavoro in quanto ha preferito essere mantenuta dal padre.Adesso mi cita in tribunale per ottenere l’assegno di mantenimento.Cosa devo fare?????

    • staff says:

      Ovviamente ha tutto il modo e la possibilità di difendersi in Tribunale ed opporre la pretesa, prima di tutto poichè al limite, nei suoi confronti Sua figlia che non ha mai avuto il mantenimento da parte della madre, può semmai vantare una mera richiesta di alimenti se dimostra di non avere alcun tipo di sostentamento per le prime necessità 8ma così non è perchè gode del mantenimento del padre).

  10. Morgana says:

    Buongiorno,
    volevo chiedere se un figlio maggiorenne che ha diritto all’assegno di mantenimento, finchè non avrà intestato affitti o acquisto di appartamenti, perda questo diritto nel caso di un affitto transitorio intestato a lui.

    Grazie

    Cordiali saluti

  11. Staff says:

    Qualora ciò costituisca un reddito per il figlio se ne deve tenere conto per la riduzione del contributo a carico del padre in misura proporzionale o sua eliminazione se il reddito può garantire la indipendenza economica del figlio

  12. Fabrizio says:

    Sono un uomo di 43 anni in cassa integrazione agli sgoccioli , tra breve passerò alla mobilità e poi….la fine. Con i miei 800 Euro mese devo provvedere ad un mutuo di 460Euro mese per la casa e 350 Euro mese per due figli di 15 e 20 anni. Risposato con bambina di 5 anni . Unico reddito il mio. Vorrei che mio figlio lavorasse , il grande , ma lui quasi si rifiuta , o meglio vive con la mamma benestante , oggetti di valore , vacanze , auto nuova , etc… e se ne “frega” di avere un lavoro. La mia azienda è fallita e io non riesco a trovare un nuovo lavoro nonostante tutta la volontà .Come posso fare ad almeno evitare di pagare l’assegno al grande ? A chi mi devo rivolgere? Se con la mamma riesce a vivere bene perchè io devo “prostituirmi” ? E’ vero che 200 Euro di piu non mi cambiano la vita ma almeno mi darebbero un aiuto. Come posso fare? Grazie.

    • STAFF says:

      Deve rivolgersi al Tribunale onde modificare il provvedimento che stabilisce il mantenimento, in ragione sia del diminuito (o assente) reddito del padre che della mancanza di iniziativa da parte del figlio; finquando non lo farà permane l’obbligazione per la quale, semplicemente sottraendosi, ci si espone ad azioni esecutive

  13. Fiorini Guido says:

    Sono divorziato dal 2000 e attualmente vivo in altra citta’ rispetto a mio figlio ed ex moglie e continuo a pagare gli alimenti per euro 595 mensili a mio figlio di 24 anni che sta’ facendo turni di 7 mesi cadauno (gia’ 2 turni) e che nel 2013 ha prodotto un cud di euro 18.000 !probabilmente la cosa continuera’e io che faccio?? devo continuare o posso richiedere una riduzione??tra l’altro ho dovuto contrarre un mutuo prima casa e dovre’ pagare altri 600 euro mensili e spero di farcela !
    Se la storia continua fino ai 40 anni che dovrei fare??
    Grazie per una risposta

    • Staff says:

      Indubbiamente caso di un lavoro non stabile o una reddito insufficiente a considerare certamente raggiunta la totale indipendenza del figlio, occorre comunque tenere conto Delle entrate effettive ai fini di proporre ricorso e valutare la possibile riduzione od eliminazione dell’assegno

  14. franco says:

    buona sera, mio figlio ha 23 anni, si è recentemente laureato e ha trovato un’occupazione stabile (tempo indeterminato full time) per sua scelta ed iniziativa. Io ho comunque continuato a versare l’assegno di mantenimento che oggi vorrei interrompere ritenendo ormai raggiunta l’indipendenza economica (ha una retribuzione di 1200 euro) pur vivendo ancora con la madre. Viviamo in due regioni diverse e vorrei sapere se la richiesta d’interruzione deve essere fatta dove insiste la sua residenza, presso il tribunale della mia e se, in alternativa, è possibile rivolgersi ad un Giudice di Pace. Vorrei inoltre sapere se necessario rivolgersi ad un legale.
    Ringrazio anticipatamente per la risposta.

    • Staff says:

      Nel caso di evidente raggiungimento di un reddito autonomo e sufficiente sarebbe possibile anche auto-sospendere il versamento, ma per non esporsi ad eventuali azioni di rivalsa è sempre consigliabile proporre ricorso, la competenza è del tribunale (non GdP) nel comune di ultima residenza un comune

  15. Pasquale says:

    Buon giorno, ho 27 anni e i miei genitori si sono separati. Mio padre dopo qualche mese vuole togliermi l’assegno di mantenimento. Io ho svolto lavoro interinale a tempo determinato per alcuni anni ma non ho mai svolto lavori per periodi molto lunghi (ho lavorato tipo un mese/mese e mezzo al massimo, ma spesso anche due o tre giorni) e quindi le mie retribuzioni non erano costanti sia per la consistenza dello stipendio (a volte sui 400 a volte molto di meno) sia nel tempo (perché avevo periodi di disoccupazione, in cui guadagnavo zero)e periodi in cui lavoravo e ricevevo lo stipendio (non molto alto perchè spesso ero part-time) e dopo la fine del contratto ricevevo l’indennità di disoccupazione. Siccome mio padre è andato dal giudice per togliermi l’assegno la mia domanda è può farlo o posso difendermi? Grazie

    • Pasquale says:

      Ho dimenticato dire che ora non lavoro più da un anno perchè non mi chiamano più. Grazie ancora.

      • STAFF says:

        se il lavoro è privo di stabilità e attualmente, da oltre un anno, non è stato rinnovato è chiaro che non possa parlarsi di una raggiunta indipendenza economica ma semmai di una capacità 8inespressa incolpevolmente) di reddito

  16. angela says:

    Ma se mio padre si e licenziato.io che vivo ancora con i miei genitori.sono costretta a mantenerlo?

  17. roberto says:

    Buongiorno io sono un padre separato e divorziato legalmente ho 1 figlio di anni 22 che lavoro come aaprendista per un auto scuola 3 h al giorno 350 euro mensili.Io mi sono risposato e ho 2 figli di anni 7 e anni 1 mia moglie ha dovuto dare le dimissioni per giusta causa in quanto non percepiva lo stipendio.Il mio stipendio e’ di 1400 euro mensili devo pagare 600 di mutuo 400 passare come assegno mantenimento 100 euro fisse di scuola da sett. 100 euro asilo bambina di 1 anno in piu’ spese condominiali luice gas auto ecc ecc.mi sono rivolto ad un avvocato per una riduzione e annullamento ass. mant. il 26 giugno avremo la causa.Secondo lei riusciro alla diminuzione o all’annullamento per l’assegno? dimenticavo mio figlio ha rifiutato un posto di lavoro x 6 ore al conservatorio di milano come barista.
    grazie

  18. Renzo says:

    dalla separazione coniugale devo un assegno di mantenimento ad una figlia che oggi ha 43 anni. Nel 1993 ha lavorato(lavoro indeterminato e contributi) ma me lo ha nascosto; ha abbandonato il lavoro dopo poco tempo volontariamente; ha dedicato il suo tempo a fare esposti-denunce… contro il padre; è rimasta totalemnte inattiva nella ricerca di altro lavoro. Vorrei iniziare una richiesta di fine assegno, ma il costo per me, pensionato e 75enne, è condizionante, con il rischio di una magistratura che tutela i figli, anche se fannulloni, che hanno risolto il problema lavorativo pesando sui genitori fino all’ultimo istante di vita (prossimo). Vorrei interrompere l’assegno senza ricorso al Giudice, ma sarei sicuramente “condannato”, potrei difendermi da solo, ma la legge non me lo permette. Leggo che la Repubblica Italiana è fondata sul lavoro .. dei padri, perché i figli hanno capito che la “patria del diritto” concede loro anche “privilegi” inammissibili e contro il “diritto” del genitore, che ha solo e sempre “doveri”, fino al suo spirare.Esiste una classifica di padri obbligati all’assegno di figli maggiorenni? Credo che io sarò il primo e continuerò ad incrementare il mio guiness!
    Ringrazio la nsotra illuminata Legge e ancor più illuminata Magistratura.

  19. Giovanni Iozzi says:

    Sono un papà di 60 anni che per ben 24 anni dall’annullamento del matrimonio verso l’assegno di mantenimento a mio figlio che ora ha 26 anni. Lavora presso un ufficio par-time con la qualifica di fattorino da ben 7 anni con contratto indeterminato. Sia sua madre (medico) che io ci siamo risposati, lei con un altro medico e un figlio loro.
    Mia moglie e mio figlio sono a mio carico, mia moglie di 54 anni non può lavorare in quanto mio figlio ha una invalidità del 69% e legge 104/92 quindi impossibilitatai a lasciarlo solo. Io guadagno sui 2.350.00 ( non tutti i mesi) di cui ho spese per solo mio figlio psicologa, ippoterapia 560.00 euro, 200.00 euro gas con riscaldamento, 40.00 euro luce, 348 euro rata macchina ( serve a mia moglie per fare tutti i giorni ben 150Km in quanto i servizidi trasporto non esistono per psicoterapia e
    ippoterapia per mio figlio 16 anni)350.00 euro benzina, 100.00 euro amministrazione, 300.00 euro per spese personali in quanto mi trovo fuori a lavorare e torno alla sera, 650 euro di vitto e casa di proprietà. Spesa totale mensile 2.54800 euro ca. al mese.
    Devo passare un assegno di 315.00 euro al mese di mantenimento all’altro figlio che come già detto vive con la madre e marito di lei, lavora e benchè lavora da 7 anni solo da tre mesi non glili passo più in quanto in diofficoltà economica. Ho già dovuto vrndere una casa per venire ad abitare in una più piccola e quindi meno spese e se gliela ho fatta a passare l’assegno a mio figlio è perchè ho preso i soldi dal risparmio di diversità dell’acquisto di questa nuova casa. Quali passi posso fare in merito? La ringrazio

  20. ELIO BUCCHERI says:

    DA RICERCHE ASSUNTE EST EMERSO CHE LA SENTENZA, CITATA NEL VOSTRO ARTICOLO, n.10894/04 TRATTA TUTT’ALTRA MATERIA. PROBABILMENTE AVRETE FATTO UN ERRORE DI TRASCRIZIONE. PERO’ DESIDERO SAPERE SE L’ORIENTAMENTO GIURISPRUDENZIALE ESISTA VERAMENTE O NON ESISTA, CIRCA L’ESCLUSIONE DEL FIGLIO MAGGIORENNE VENTITREENNE CHE NON ABBIA PROSEGUITO GLI STUDI. ATTENDO CON ANZIA, DISTINTI SALUTI. CAV. ELIO BUCCHERI.

  21. Silvana says:

    Salve sono separata da’ circa 8 anni e’ dall mio ex percepisco un mantenimento x mio figlio adesso mio figlio a settembre compie 18 anni io sono disoccupata e il mio ex minaccia che arrivato all compimento Dell diciottesimo anno di nostro figlio mi dice che da’ settembre non invia più’ mantenimento preciso che’ lui è possessore di vari appartamenti da cui lui beneficia degli affitti può’ farlo e lasciarci così alla fame x che a sposato unavrumena

  22. Gessica says:

    Mi chiamo Gessica, ho 23 anni e vorrei tanto chiarirmi le idee grazie al vostro aiuto!
    Premetto che sono una studentessa universitaria e non lavoro. A causa di un’evidente incompatibilità di carattere con i miei genitori, ho dovuto cambiare residenza per concentrarmi sugli studi, vivendo tutt’ora ospite a casa del mio ragazzo, purtroppo disoccupato o lavoratore occasionale.
    Il mio stato famiglia è composto soltanto da me (il mio ragazzo non è incluso in esso), quindi risultiamo conquilini.
    L’avvocato dei miei genitori, durante le pratiche per la loro separazione, ha dichiarato che, per legge, non ho diritto ad un assegno di mantenimento, perchè convivo con un uomo che dovrà occuparsi della sottoscritta. Inoltre, hanno firmato per un accordo in cui si impegnano a pagare l’università ed eventuali spese mediche ma, nel caso decidessi di andare a vivere con uno di loro, sarebbero bendisposti a concedermi anche un assegno di mantenimento che altrimenti non potrei avere.

    Vorrei capire se, il cambiamento di residenza e il mio stato famiglia, bastino a non ricevere un assegno di mantenimento, dato che la mia situazione economica non è certo delle migliori!

    Ringraziando anticipatamente, porgo
    cordiali saluti
    Gessica

  23. Staff says:

    La maggior età e il venir meno della convivenza per scelta e non per ragioni di studio, fa venir meno il diritto al mantenimento a carico dei genitori.

  24. Massimo says:

    Buongiorno, da poco ho avuto una sentenza di mantenimento figlie(non essendo sposato) che ammonta a 350 euro per entrambe.Premetto che abbiamo tutti e due un lavoro nel pubblico impiego con il medesimo stipendio di 1700 euro.
    La casa familiare è stata concessa alla madre e io posso vedere le figlie solo a weekend alterni e un giorno alla settimana con pernotto.
    Sulla casa grava un mutuo di 20 anni da 1000 euro al mese che è sempre stato pagato al 50% da entrambi, ora mi chiedo visto che sono obbligato a versare mensilmente l’assegno di mantenimento di 350 euro, sono anche obbligato a pagare la mia parte di mutuo?
    Ringraziando anticipatamente, porgo
    cordiali saluti.
    Massimo

  25. giovanni iozzi says:

    Giovanni Iozzi scrive:
    %e %B %Y alle %H:%M

    Sono un papà di 60 anni che per ben 24 anni dall’annullamento del matrimonio verso l’assegno di mantenimento a mio figlio che ora ha 26 anni. Lavora presso un ufficio par-time con la qualifica di fattorino da ben 7 anni con contratto indeterminato. Sia sua madre (medico) che io ci siamo risposati, lei con un altro medico e un figlio loro.
    Mia moglie e mio figlio sono a mio carico, mia moglie di 54 anni non può lavorare in quanto mio figlio ha una invalidità del 69% e legge 104/92 quindi impossibilitatai a lasciarlo solo. Io guadagno sui 2.350.00 ( non tutti i mesi) di cui ho spese per solo mio figlio psicologa, ippoterapia 560.00 euro, 200.00 euro gas con riscaldamento, 40.00 euro luce, 348 euro rata macchina ( serve a mia moglie per fare tutti i giorni ben 150Km in quanto i servizidi trasporto non esistono per psicoterapia e
    ippoterapia per mio figlio 16 anni)350.00 euro benzina, 100.00 euro amministrazione, 300.00 euro per spese personali in quanto mi trovo fuori a lavorare e torno alla sera, 650 euro di vitto e casa di proprietà. Spesa totale mensile 2.54800 euro ca. al mese.
    Devo passare un assegno di 315.00 euro al mese di mantenimento all’altro figlio che come già detto vive con la madre e marito di lei, lavora e benchè lavora da 7 anni solo da tre mesi non glili passo più in quanto in diofficoltà economica. Ho già dovuto vrndere una casa per venire ad abitare in una più piccola e quindi meno spese e se gliela ho fatta a passare l’assegno a mio figlio è perchè ho preso i soldi dal risparmio di diversità dell’acquisto di questa nuova casa. Quali passi posso fare in merito? La ringrazio

  26. mario says:

    salve.
    sono separato dal 1989, do’ il mantenimento a nome della mia ex per la figlia che a marzo 2014, compie 26 anni. Pultroppo, non ho e non posso avere notizie della sua situazione, (se lavora, se sposata, se convivente) mi e’ impossibile sapere. Adesso sono in pensione e il mio vecchio datore di lavoro, (amministrazione Difesa) mi aveva detto che dovevo dare il mantenimento fino al compimento del 26 anno. potreste darmi delle delucidazioni in merito e, se e’ cosi’, cosa devo fare.?

  27. Osvaldo says:

    Salve.
    Sono un papà divorziato ed ho un figlio diciottenne studente, lavoratore saltuario, che percepisce da me il mantenimento mensile (più la metà delle spese mediche e scolastiche). Recentemente è deceduto il genitore affidatario e di comune accordo si è deciso di lasciare la casa dov’erano in affitto e di stabilirsi dalla nonna materna, almeno finchè finisce la scuola. Non essendo ancora economicamente indipendente so che devo continuare a mantenerlo, ora in toto… Le domande sono: 1) “l’eredità” lasciata dalla mamma, non fa reddito? 2) devo continuare a versare l’assegno di mantenimento così come imposto dal tribunale o basta coprire le sue spese e soddisfare le sue esigenze?
    Grazie per le risposte.

  28. angela says:

    Scusatemi ma ad esempio mio padre si e licenziato dal suo posto di lavoro e da la colpa a mia madre visto che lei vuole separarsi. Io sono obbligata a mantenerlo? A ma non sembra giusto. E da anni che mantengo la famiglia e ora ho 25 anni.cosa devo fare?

  29. vito says:

    una volta cessato il regime di convivenza e acquisito un proprio reddito viene meno il diritto dei figli al mantenimento e residua solo quello ai cd alimenti, cioè quanto necessario ai generi di prima necessità in caso di totale perdita di reddito.
    domanda allora vuol dire che bisogna mantenere i figli al 50%
    ogni genitore ?

  30. Viktor says:

    Ho 32 anni sono invalido al 75% percepisco una pensione d 286 euro e frequento l universita.mai lavorato.vivo in famiglia e cn quei soldi mi devo cm dire mantenere anche per il cibo.visto che raramente c arrivo e creo scontri e disaccordi pur exendo stato cresciuto da piccolo da un padre adottivo ora in pensione,ho diritto ad exer trattato cm un figlio biologico e percio mantenuto anche da lui exendo disabile o no?se si da chi mi devo rivolgere?grazie

  31. Viktor says:

    Ho 32 anni sono invalido al 75% percepisco una pensione d 286 euro e frequento l universita.mai lavorato.vivo in famiglia e cn quei soldi mi devo cm dire mantenere anche per il cibo.visto che raramente c arrivo e creo scontri e disaccordi pur exendo stato cresciuto da piccolo da un padre adottivo ora in pensione,ho diritto ad exer trattato cm un figlio biologico e percio mantenuto anche da lui exendo disabile o no?premetto che ho una sorella d 25 anni figlia sua anche lei disoccupata e studentessa e fatta mantenere da loro.

  32. Giovanni says:

    Salve, sono un genitore separato, ho 47 anni e ho due figlie gemelle di 21 anni, sino ad oggi ho sempre erogato l’assegno di mantenimento che consensualmente abbiamo stabilito con aumento istat, ma adesso le cose si complicano perche’ senza nessuna discussione o valutazione di eventuali costi, le ragazze si sono iscritte all’universita’ e questo comincera’ a far non quadrare il mio bilancio che e’ basato su una pensione di invalidita’ a causa di una malattia genetica, difatti sto erogando come asegno di mantenimento la mia pensione ed io vivo con quel poco che mia nuova moglie puo’ fare, inoltre e’ arrivata una bimba che adesso ha 6 mesi. Mi chiedo se la legge riesce a valutare anche situazioni limite come queste dove pur non negando l’assegno di mantenimento devo partecipare a spese e costi universitari e pure ad un neonato, mi chiedo in tale situazione cosa dovrei fare ?

  33. Luigi says:

    43 anni, separato da 10 anni con figlio ora diciotenne. Siccome sto valutando di chiedere il divorzio, sarei grato se qualcuno mi potesse dire se posso chiedere la riduzione o la revoca dell’assegno mensile di €.500,00 che corrispondo mensilmente per tutti e due (ex e figlio)in considerazione del comportamento da parte di mio figlio. Nello specifico: non ha continuato gli studi (licenza media presa nei corsi serali), va bene che ha appena compiuto i 18 anni, ma non sta facendo nulla per trovarsi una occupazione, anzi so per certo che in due occasioni ha avuto problemi con la giustizia (posso capire lo stato d’animo di un ragazzo che ha vissuto una situazione di disagio, collegato alla separazione dei genitori), ma come posso tutelarmi o meglio tutelare l’interesse delle mie due bambine 8 e 4 anni avute dalla mia nuova compagna? Grazie per la vostra cortese attenzione.

  34. Riccardo says:

    Da divorziato ho sempre versato l’assegno di mantenimento periodico, solo per mio figlio. Ora è maggiorenne, diplomando, e lavora saltuariamente. Sua madre è morta e lui vive, per sua scelta, con la zia. Quindi io non sono più divorziato? Gli passo volentieri il corrispettivo del mantenimento a titolo di paghetta settimanale. Faccio bene?
    Quando sarà indipendente dovrò comunque andare a dimostrarlo in tribunale?
    Grazie per la risposta.

  35. Francesco says:

    Separato dal 95. Dal 2002 al 2006 non ho potuto
    versare l’assegno di mantenimento ai figli causa un lavoro di 12 ore settimanali. Dal 2006 a tutt’oggi, considerato che le ore lavorative sono aumentate a 36 settimanali la quota per il mantenimento viene sottratta direttamente dallo stipendio. Ora l’ex moglie che ha sempre lavorato con uno stipendio intero e con l’assegno dei figli a suo carico mi chiede 20.000 euro di risarcimento, nonostante un figlio ha compiuto diciotto anni in questi mesi e la figlia più grande di 23 anni lavora e percepisce un ottimo stipendio da tre anni.
    Cosa posso tutelarmi.
    Grazie per la risposta

  36. Staff says:

    È da verificare se il debito sia prescritto nei 5 anni

  37. Rocco says:

    Buonasera,sono separato e divorziato da 20 anni.Mia figlia che oggi ne ha quasi 21,sino all’età di 15 anni ha vissuto con la madre a Milano che nel frattempo si era risposata ed aveva avuto altri figli.ho sempre pagato l’assegno di mantenimento pari ad euro 234.Da considerare che ho pagato per svariati anni 370 euro per entrambi sino a quando la mia ex moglie non si è risposata,anzi per 5 anni mi è stato tenuto nascosto,vivendo in due citta distanti 600 Km edn ho continuato a pagare entrambi.Poi all’improvviso mia figlia per dichiarazioni effettuate alla Polizia è stata messa in una comunità,dichiarazioni poi ritirate dopo anni.Nel frattempo,si era ritirata dalla scuola,ha lavorato in diversi periodi anche guadagnando 1250 euro al mese.Si è riuscita a bruciare 6000 in quattro mesi tra fumo,( canne ) e viaggi.Da premettere che è sempre stata incline alle regole che vi sono in ogni famiglia.Alla comunità gli avevano dato un monolocale che divideva con un’altra ragazza doven non pagava né luce né acqua né gas e neppure l’affitto,questo dopo aver compiuto i 18 anni.Poi,ad aprile di quest’anno,ha deciso di trasferirsi da me,che nel frattempo comunque gli avevo continuato a versare l’assegno di mantenimento tramite vaglia postali.Ad Aprile io e mia moglie,nonostante non fosse la figlia gli abbiamo aperto la porta di casa ed offerto tutto quello che potevamo.Da premettere che si è presentata a casa,non da sola ma con la sua compagna o fidanzata e noi per non rimandarla nello squallore in cui viveva,abbiamo accettato.Ancora una volta vi ho rimesso dei soldi per aiutare la sua compagna circa 250 euro in quanto rumena e priva di un posto dove andare per documenti varii inerenti al suo status( apolide )A maggio mi sono dato da fare e grazie ad amici gli ho trovato un posto in un bar con relativo contratto per due anni,in quanto barista,e percepisce uno stipendio di 700 euro.A luglio si lascia con la sua compagna ed ad ottobre,nonostante i nostri sforzi sia fisici che psicologici nel cercare di capirla,è andata via ad abitare a casa di un sergente dell’aviazione dove dice che paga 250 euro a nero in quanto questi non può affittare la stanza in quanto ha comprato casa con un mutuo e per i primi cinque anni,non può affittare.Come ciliegina sulla torta,dopo due mesi che era da me,mi ha chiesto di andare a riprendere il suo cucciolo di cane,una lupetta femmina e che lavorando ci avrebbe pensato lei,promessa ancora una volta non mantenuta,lei è andata via ed il cane per evitare che fosse abbandonato presso un canile…..giocoforza ce lo siamo tenuti noi….ora il cane pesa 30 Kg.Per il periodo che è stata da me…..non gli ho dato l’assegno….in quanto è arrivata con pochi indumenti…..per non parlare delle spese che il cane ha comportato è che ho dovuto pagare io…..veterinario e quant’altro.Ora….lei è presso quest’appartamento…..non so che fa…..so che ha ripreso gli studi serali…..non posso domandargli nulla in quanto la vede come un invasione della sua pryvaci……si vive nella stessa città ma è come se non esistessi come padre……mia moglie a causa sua è andata in depressione in quanto ha veramente fatto tanto per lei…….devo riprendere a passargli l’assegno di mantenimento pari ad euro 234? Da premettere che nessuno gli ha detto di andare via…..anzi abbiamo anche affrontato delle spese per comprare la sua stanza…..visto che voleva rimanere da noi,come possso tutelarmi visto che ora che è distante e và daccordissimo con la madre,madre che dopo le affermazioni fatte e poi ritirate,per tutelare la sua famiglia ed il suo compagno non la ha voluta più in casa? è giusto che continui a pagare nonostante i nostri sforzi,miei e di mia moglie?Grazie per l’eventuale risposta

  38. Enrica Molinari says:

    Ho 45 anni e ho un’invalidità del 75% ed ho vissuto per circa 30 anni con i miei prozii…visto che mia madre quando avevo 2 anni è andata via e mio padre se ne è fregato e mi ha “dato ” ai miei prozii. Ho lavorato per 13 anni, poi ho avuto problemi di salute con dipendenza da farmaci..sono entrata in mobilità volontaria e mi sono licenziata nel 2005 anche per avvicinarmi alla mia prozia che nel frattempo si era spostata. Ora dopo un percorso con i servizi sociali, nonostante sia iscritta al sild dal 2011, e avendo fatto mille richieste di lavoro…testimoniabili…non trovo lavoro…, ho avuto la casa del comune con richiesta di emergenza abitativa e percepisco una pensione di circa 278 euro mensili. Mio padre (65 anni) ha un attività commerciale e percepisce direttamente una pensione di 2000 euro mensili di sua madre (mia nonna) oltre ai proventi dell’attività ed alla pensione di invalidità pari alla mia. Posso chiedere a mio padre un

    assegno di ..aiuto? Grazie

  39. Simone lipperi says:

    Sono invalido totale, possono i genitori cacciarli da casa e SONO costretto a Sottostare al volere dei miei fratelli altrimenti vittima di ricatti
    Grazie

  40. olivia says:

    BUONA SERA , LAVORO PER MIO PADRE HO 40 ANNI ,PAGO LE DICHIARAZIONI DI REDDITO MA NON VENGO RETRIBUITA DEGLI UTILI. HO CHIESTO SPESSO NOTIZIE MA A QUANTOPARE LE MIE RICHIESTE NON SONO COMPRESE ORA SICCOME NON NE’POSSONO PIU’ DELLE MIE CONTINUE RICHIESTE VOGLIONO ALLONTANARMI DA CASA.

  41. Riccardo says:

    Dopo mesi non ho ancora ricevuto risposta al mio precedente quesito, che ora ripropongo.
    Da divorziato ho sempre versato l’assegno di mantenimento periodico, solo per mio figlio. Ora è maggiorenne, diplomando,
    e lavora saltuariamente. Sua madre è morta e lui vive, per sua scelta, con la zia. Gli passo volentieri il corrispettivo
    del mantenimento a titolo di paghetta mensile.
    Le domande:
    1) Visto che non sono più divorziato, ma vedovo, sono comunque obbligato a continuare a versare quanto stabilito nella sentenza di divorzio?
    2) Se si, quando mio figlio sarà indipendente dovrò comunque andare a dimostrarlo in tribunale?
    Attendo ancora una Vs risposta, anche in privato.
    Grazie.

    • staff says:

      Il mantenimento a suo figlio è dovuto anche se ha perso l’altro genitore, anzi generalmente aumenta il carico su quello superstite. Al raggiungimento di indipendenza se suo figlio non è d’accordo sulla revoca di mantenimento concordata tra voi, dovrà rivolgersi al tribunale per non esporsi a eventuali rivendiche successive.

  42. Anna says:

    La figlia del mio compagno, 26 enne, è andata a vivere con un ragazzo, che voglia di lavorare zero, lei fa un part time e continua a chiedere gli alimenti,hanno una macchina nuova di zecca, un cane e stanno in questa casa da 2 anni, omettendo il fatto che convive, io ho le prove che invece dice il falso, ci sono gli estremi per terminare il mantenimento? Grazie

  43. Mario says:

    mi sono licenziato dal lavoro..e son separato la legge mi dice che devo dare..un totale di liquidazzione alla mia ex consorte..ho dato quello che la legge mi diceva..adesso percepisco un fondo..lavorativo(mobilita)’..per 4 anni ricevo questo fondo ..sono tenuto a dare anche da questo fondo dei soldi?adesso vivo fuori all’estero..e la sede da dove percepisco questo fondo mi ha bloccato i versamenti dei soldi mensuali..lo possono fare? cosa dice la legge italiana a proposito..i miei figli son maggiorenni e attualmente non lavorano devo dare dei soldi da questo fondo ?..io attualmente non faccio nessun lavoro..percepisco solo la mobilita..

  44. Mario says:

    Salve,

    Sono un ragazzo di 20 anni. Ho conseguito il diploma e da tempo cerco attivamente un lavoro. Nel frattempo i miei genitori mi hanno fatto lavorare nel loro bar di proprietà. ( lavoro in nero, full-time, 160euro AL MESE)
    I miei genitori da tempo vogliono mandarmi via di casa per ragioni ancora a me sconosciute. E quindi hanno deciso di prendere in affitto un appartamento completamente da ristrutturare. Arrivo al dunque : Dopo l’ennesimo litigio, mi sono ritrovato i miei vestiti ed il mio letto nella nuova abitazione. Abitazione dove non vi sono pavimenti, sanitari e impianto idraulico, quindi accesso all’acqua. Cosa devo fare? A chi posso rivolgermi? Non sono economicamente autosufficiente e non lavoro (non per scelta mia: iscritto a collocamento e vari siti di intering, conseguito con successo corso da frigorista ecc.)

    La ringrazio anticipatamente,

    Cordiali saluti ,
    Mario

  45. Francesco says:

    Salve,
    Ipotizzando che il diritto di mantenimento verso il figlio viene meno, dal momento che rientra tra i vari casi da voi descritti, come si può concretamente procedere per mandare via di casa questo figlio che evita il rapporto con i genitori chiudendosi in camera? I carabinieri non possono far niente come dicono? Gli assistenti sociali lo stesso? Esiste o no in ITALIA una concreta risoluzione a questo quesito? Qualcuno di veramente competente saprà qualcosa a riguardo, o no? Grazie.

  46. sasà says:

    salve sono un uomo di 44 anni o sostenuto mia figlia fino alle scuole dell obbligo ( superiori) attualmente guadagno 9ooE gli passo 200E x il mantenimento, vuole andare all’università. io sono obbligato a pagare la metà delle spese anche se non posso? grazie

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>